Vetrina commerciale
Shopping on-line
Immobili
Virtual Tour
Guida al turista
Parma in tavola
Ristoranti
Alberghi
B & B e Agriturismi
Parma by night
Cinema
Teatro
Musica
Arte
Incontri
Libri
Fiere
Il culto a Parma
Per i più piccoli
Feste e sagre
Sport
Fitness
Parma notizie
Calendario eventi
Servizi di utilità
Link della città
Altri link
Finanza on-line
Numeri utili
Assicurazioni
Chi siamo
Pubblicità
Help
Collabora con noi
Note legali
Credits
Mappa del sito
Home

Home » Parma in tavola » La cucina di Giuseppe Verdi


La storia della cucina parmigiana
Asterischi di gastronomia parmigiana.

"La cucina di Giuseppe Verdi"

Giuseppe Verdi, figlio della sua terra, amava la cucina e la buona tavola. Tra i suoi piatti preferiti c'erano i tortelli ripieni di erbette con il lambrusco. Tra le ricette ispirate a Verdi ci sono gli "Spaghetti alla Traviata" con pomodro e basilico fresco.

Verdi adorava "Il Cova" una pasticceria milanese fondata nel lontano 1817. Qui acquistava il panettone per la sua seconda moglie, Giuseppina Strepponi, da servire, ben caldo, durante le feste natalizie. D'estate, invece, il maestro proponeva ai suoi ospiti un semifreddo fatto con burro, amaretti e savoiardi, riposto poi, per alcune ore, nella ghiacciaia della villa di Sant'Agata.

Da L. Arruga, Giuseppe Verdi gran cuoco, in Panorama, 16.11.2000, p 316.

TORNA ALL'INDICE

> Virtual tour
Come arrivare
In treno
In aereo
In auto
In dettaglio
> Mappe
> Pacchetti turistici
> Alberghi
> Ristoranti
> B&B e agriturismi
Itinerari consigliati
Il centro religioso
Il centro comunale
La Città Ducale
L'Oltretorrente
La Certosa di Parma
Percorsi e piantina
> Storia e Cultura
> Musei e Monumenti
> Castelli e Rocche
> Biblioteche e Archivi
Parma in tavola
Storia e cultura della gastronomia parmigiana
La storia in cucina
Prodotti tipici della Food Valley
I piatti tipici
Lo Chef consiglia
Elenco ristoranti aperti la domenica
La meravigliosa gastronomia parmigiana
Il bon ton a tavola
> Suggerimenti dalla rete