Vetrina commerciale
Shopping on-line
Immobili
Virtual Tour
Guida al turista
Parma in tavola
Ristoranti
Alberghi
B & B e Agriturismi
Parma by night
Cinema
Teatro
Musica
Arte
Incontri
Libri
Fiere
Il culto a Parma
Per i più piccoli
Feste e sagre
Sport
Fitness
Parma notizie
Calendario eventi
Servizi di utilità
Link della città
Altri link
Finanza on-line
Numeri utili
Assicurazioni
Chi siamo
Pubblicità
Help
Collabora con noi
Note legali
Credits
Mappa del sito
Home

Home » Libri


La via dell'amore
Luce Irigaray, la grande filosofia, cui si deve l'elaborazione della teoria della differenza sessuale, cardine del femminismo europeo sarà ospite del Teatro Due di Parma per un duplice appuntamento il 27 e 28 marzo

Tra le più influenti pensatrici degli ultimi decenni, Luce Irigaray, la grande filosofia, cui si deve l'elaborazione della teoria della differenza sessuale, cardine del femminismo europeo, direttrice di ricerca presso il Centre National de la Recherche Scientifique (CNRS) di Parigi, sarà ospite del Teatro Due di Parma per un duplice appuntamento il 27 e 28 marzo, invitata da Fondazione Teatro Due e dall’Assessorato alle Pari Opportunità della Provincia di Parma.
Questo invito risponde alla volontà, condivisa dalle due istituzioni organizzatrici, di approfondire alcune delle tematiche culturali che consentano di realizzare “un cammino di libertà per il futuro di tutti”. Il pensiero di Luce Irigaray scandaglia a fondo il tema delle differenze di genere come elemento fondamentale per giungere a un vero multiculturalismo, partendo dal presupposto che la comprensione piena delle differenze tra uomo e donna sia la base fondamentale per accettare gli altri. Un pensiero necessario per passare ad una nuova tappa dell'evoluzione della cultura ormai indispensabile per cambiare i nostri atteggiamenti nei confronti dell' ”altro” e per creare una “democrazia a due” che si proponga di scoprire un nuovo alfabeto e una nuova grammatica politici.


Giovedì 27 marzo alle ore 21.00 la filosofa presenterà a livello nazionale il suo nuovo libro La via dell’amore, uscito lo scorso 21 febbraio per Bollati Boringhieri, in una conversazione con Marco Deriu, docente di Sociologia dei processi culturali e comunicativi dell’Università di Parma (ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili).
Alla base di tutta l'opera di Luce Irigaray è sempre stata la ricerca di un futuro più giusto e felice per l'umanità. Obbiettivo questo che secondo la Irigaray si può raggiungere nella scoperta, teorica e pratica, di una relazione con l'altro nutrita di rispetto reciproco per le differenze, di un rapporto a due che conduce a una globalizzazione possibile e non distruttiva della soggettività individuale e delle culture. La via dell’amore è un tentativo di ripensare e rifondare la filosofia occidentale, scardinando le tradizioni sapienziali della nostra cultura, opponendo un netto rifiuto ai tecnocrati del logos che hanno trasformato la saggezza in una fredda costruzione razionale e concettuale, appannaggio dei pochi iniziati di circoli intellettuali e accademici. Al centro di questa ricerca filosofica, non vi sono gli aspetti mentali o cognitivi, ma uno sguardo concentrato sulla dimensione concretamente intersoggettiva, sull'esperienza umana, sull'elaborazione di un discorso volto al "saper vivere" prima che al "saper morire". Una saggezza che prima di essere parola, sarà conoscenza del cosmo come corpo e come universo, riconoscimento delle differenze tra individui. Il nuovo filosofo sarà quindi lontano da quello che la Irigaray descrive "mediocre compagno di vita: bambino in amore e amante dei bambini più che delle donne".
La via dell'amore indica appunto le vie per giungere, attraverso la parola, ad avvicinarsi all'altro, ad entrare in dialogo.
Proprio questi argomenti saranno oggetto del seminario di formazione rivolto ad insegnanti ed educatori che Luce Irigaray terrà venerdì 28 marzo dalle ore 16.00 sempre a Teatro Due per proseguire, concretamente, alla costruzione di una cultura a due soggetti, maschile e femminile, portatori di valori differenti ma di equivalente importanza per l’elaborazione di legami e di civiltà, sia nell’ambito privato che nella comunità umana mondiale.
A trent'anni di distanza dall'uscita del suo primo e rivoluzionario libro Speculum, l'altra donna (uscito nel 1974 in Francia, nel 1975 in Italia), Luce Irigaray continua ad essere un punto di riferimento necessario per ogni discussione sul cambiamento. Il seminario è rivolto a un massimo di 60 persone. (Per motivi organizzativi è quindi necessaria la prenotazione: tel.0521/289659).

La presentazione del libro La via dell’amore di Luce Irigaray si inserisce nell’ambito della rassegna Teatro E… un progetto realizzato da Fondazione Teatro Due nella volontà di vivere il teatro come luogo di analisi e discussione della contemporaneità e articolato in una serie di incontri con alcuni relatori d’eccezione che propongono percorsi di approfondimento attraverso i temi fondamentali della cultura e della società attuali. Fra i vari ospiti ricordiamo Serge Latouche, Carlo Petrini, Clemens–Carl Härle, Gherardo Colombo, Marco Travaglio, Danilo Zolo e Franco Cassano.


Per informazioni e prenotazioni Fondazione Teatro Due, Tel.0521/230242-289659, www.portale.parma.it - www.teatrodue.org

Il vino di Garibaldi, alla ricerca di un mito tra Parma e Caprera
Il “Festival della Malvasia” diventa occasione per parlare delle origini del vino delle colline di Parma attraverso la...
Happy Book
Da qualche giorno un “pulmino letterario” ha iniziato a girare le strade della città: con l’iniziativa Happy Book,...
Parma. Scatti di cronaca. Gli anni memorabili: 1960-1990
Oltre 200 pagine e 300 scatti di Giovanni Ferraguti per scoprire immagini, fatti e personaggi che hanno caratterizzato...
Le burrascose avventure di Giovannino Guareschi nel mondo del cinema
di Egidio Bandini, Giorgio...
Fontelibro 2008
Festival della Poesia per...
Il sogno del maratoneta. Il romanzo di Dorando Pietri
E' nelle librerie, ed....
La via dell'amore
Luce Irigaray, la grande...
Nelle terre estreme
Il romanzo di Jon Krakauer da...